News

Naro: aprirà due giorni la settimana lo Sportello di Girgenti Acque

Lo Sportello decentrato del servizio idrico, gestito da Girgenti Acque, funzionerà a Naro per due giorni la settimana e non nella sola giornata di venerdì.

Ubicato presso il palazzo comunale, nei locali del Dipartimento Tecnico, postazione dell’ufficio del geom. Gueli Alletti , lo Sportello sarà attivo tutti i mercoledì ed i venerdì sia la mattina (dalle ore 8,30 alle 13,00) sia il pomeriggio (dalle ore 14,00 alle 16,00).

Lo annunciano il sindaco Calogero Cremona ed il vicesindaco ed assessore al servizio idrico integrato Lidia Mirabile.

Lo Sportello sarà attivo a partire da mercoledì prossimo, 27 agosto ed i cittadini potranno qui presentare reclami ed ottenere le giuste risposte; chiedere lumi  sulla fatturazione dei loro consumi idrici; avere chiarimenti  sulle tariffe ed i canoni, sulle volture e su ogni altra problematica riguardante l’erogazione del servizio idrico integrato.

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO Dott. Calogero Cremona:

Spesso gli utenti ricevono bollette che non capiscono e percepiscono Girgenti Acque come  lontana e poco attenta alle esigenze delle famiglie, specialmente quelle meno abbienti.

Con questa iniziativa speriamo di dare la possibilità ai Naresi di poter meglio interloquire col soggetto gestore del servizio idrico, al quale aneliamo comunque a sostituirci quanto prima possibile bollette che non riescono a capire e si sentonoimpotenti rispetto all’esosità degli importi da pagare per canone e tariffe. Girgenti Acque sembra un’entità lontana, tornando alla gestione comunale dell’acqua pubblica”.

 

Naro e la sua memoria in un mix inedito di racconti e musica popolari

Un’idea per valorizzare e preservare  la memoria di luoghi, personaggi, usi e costumi di Naro. Un’idea che diventerà progetto e che  punterà alla rinascita del centro storico e, in particolar modo, a quella di Via Vanelle, che si snoda sotto il Castello medievale e il Vecchio Duomo normanno.

Via Vanelle è stata purtroppo interessata dalla frana del febbraio 2005 e molte abitazioni di questa via sono state abbattute, creando spazi che, in parte, sono stati arredati o abbelliti e, in parte, necessitano d’essere attrezzati.

Proprio in Via Vanelle, in uno di questi ampi e spazi, all’altezza del numero civico 99, si svolgerà uno spettacolo popolare che avrà come punto centrale la recita di un testo dialettale di Pietro Verde, intitolato “Bilasi Catusu”, per ricordare un personaggio locale degli anni cinquanta e sessanta che ogni tanto viene rievocato dai più anziani tra il disinteresse generale di coloro che non l’hanno mai conosciuto.

L’evento è in programma per domenica prossima 24 agosto,  alle ore 21,00, e coinvolgerà nella recita lo stesso autore del testo, Pietro Verde, che nei luoghi della via Vanelle è cresciuto, prima di trasferirsi  in Piemonte, dove è stato direttore regionale nella pubblica amministrazione finanziaria. Accanto a lui ci sarà Totò Nocera, il noto medico-artista , che provvederà agli arrangiamenti musicali e all’interazione col pubblico. Collaborerà alla buona riuscita della narrazione  anche Salvo Di Caro e, dulcis in fundo, si cimenterà nella recita persino  il sindaco Lillo Cremona.

I quattro protagonisti per l’occasione  si sono costituiti in” Cumpagnia dell’Addimuru” , con l’intento di continuare nel futuro con altri spettacoli creativi nella scenografia naturale dello slargo di Via Vanelle 99.

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO Dott. Calogero Cremona:

“Credo molto nella promozione e nella rinascita del centro storico e, in particolare modo, della Via Vanelle che purtroppo è stata colpita dalla frana del 2005.

E’ adesso tempo che questa via  torni  a vivere. Infatti, domenica prossima cominceremo, nella splendida location  naturale dello spazio che si slarga all’altezza del numero civico 99 di via Vanelle,  con questo originalissimo ed inedito  spettacolo che farà tornare alla memoria personaggi, usanze e luoghi della città ormai pressoché dimenticati.

Il segno distintivo dell’evento sarà la leggerezza: si narreranno  avvenimenti e tradizioni in modo divertente; si ricorderà la Naro d’un tempo in modo piacevole e, a tratti, spassoso. Ma l’evento costituirà soprattutto un segnale. Un segnale d’attenzione per il  recupero concreto del centro storico, per la promozione e la valorizzazione dei luoghi che hanno fatto la storia e la vita di Naro, per la rivalutazione delle locali tradizioni popolari.

Tutto ciò sarà contestualizzato in un  progetto di  rilancio e miglioramento dell’offerta turistica, che terrà  conto del concorso dei privati e soprattutto dei giovani intenzionati a creare piccole imprese, forme di ricettività; osterie, caffetterie e punti di ristoro; aree di vendita dei locali prodotti agricoli, eno-gastronomici e agro-alimentari; forme museali ed espositive da gestire anche  con biglietteria privata”. 

Il sindaco di Naro contro Girgenti Acque

Non solo tariffe alquanto esose, ma anche poca acqua.

Nell’attuale momento, a Naro, arrivano appena 15 litri al secondo che sono del tutto insufficienti per l’approvvigionamento idrico della popolazione locale, che durante l’estate aumenta col rientro per le ferie di numerosi emigrati dall’estero e dall’ Italia centro-settentrionale.

Come se ciò non bastasse, ci sono giornate in cui non arriva ai serbatoi comunali  nemmeno una goccia d’acqua, poiché sono in corso dei lavori nelle condutture o negli impianti di  tale  località o di talaltra.

Di recente, poi, c’è stato un continuo rimbalzo di responsabilità tra Girgenti Acque ed il Consorzio Tre Sorgenti (di cui peraltro il Comune di  Naro non fa parte, vantando solo su questo Consorzio il diritto all’approvvigionamento tramite una bretella che porta l’acqua dal Fanaco) che ha allungato i tempi d’intervento per una riparazione, con la conseguenza che a piangerne gli effetti sono sempre i cittadini.

Il Comune di Naro fa parte dei 27 Comuni che, tramite l’Autorità d’Ambito,  vogliono disdettare il contratto di servizio con la Girgenti Acque, la quale  ha  ormai  aumentato a dismisura le tariffe ed i costi dei servizi, facendo diventare l’acqua un liquido preziosissimo  non tanto per  essere un bene pubblico di prima necessità, quanto per avere un  prezzo economico molto salato che i cittadini sono costretti a pagare. 

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO Dott. Calogero Cremona:

“Nonostante l’impegno diuturno dell’assessore al ramo Lidia Mirabile, quotidianamente sono costretto ad assistere alle legittime rimostranze dei cittadini naresi che si vedono obbligati a pagare bollette di importo estremamente elevato e comprendente anche  le  quote dei Comuni che non hanno aderito all’ato, anche se i rubinetti delle loro abitazioni restano spesso a secco.

Insieme ad altri 26 sindaci, ci stiamo muovendo per mettere fine a questa incresciosa situazione e per dire basta alla gestione privata dell’acqua pubblica, intraprendendo anche azioni legali e cercando di far pagare al gestore privato Girgenti Acque le ormai abituali inefficienze ed i continui disservizi.

Sono sindaco da qualche mese  ed ho appreso che, alcuni anni fa, il Comune di Naro ha ottenuto un finanziamento per la costruzione e messa in funzione del depuratore. Il relativo decreto è stato trasmesso sia all’Autorità d’Ambito sia alla Girgenti Acque  che nel frattempo erano divenuti competenti –in luogo dei Comuni- per il servizio idrico integrato e, quindi, anche per la costruzione e messa in funzione dei depuratori. Da quel che  risulta ad oggi, Naro è senza depuratore e dell’inizio dei lavori di costruzione non c’è traccia.

Mi chiedo a questo punto cosa aspettino Stato e Regione a consentire il ritorno della gestione dell’acqua –come quella dei rifiuti- ai Comuni. C’è stato un referendum in tal senso, ma ancora i cittadini sono vincolati a pagare tariffe elevate e ad avere poca – a volte, niente - acqua”. 

Estate narese: Festa dell'Emigrato e rassegna del Teatro Dialettale

L’assessore comunale per la cultura e lo spettacolo Tito Novella ha presentato  il cartellone degli eventi, spettacoli ed iniziative culturali che  si svolgeranno in onore degli emigrati rientrati per le ferie nella terra natìa e che faranno traguardare alla Rassegna del Teatro Dialettale Narese  la 37ma edizione.

Quest’ultima prevede la realizzazione di 3 commedie dialettali: una a cura della locale compagnia teatrale “Calogero Gueli Alletti” dal titolo “Un c’è ‘cchiù  tintu d’un poviru arriniscutu”;  e due a cura de “I ContemplAttivi” che manderanno in scena “Meglia di ma soggera un ‘ccinnè” e “Quannu u diavulu ci metti a cuda”.

Ovviamente, le commedie in dialetto saranno rappresentate  nella maestosa scenografia naturale Scalinata del Vecchio Duomo che incanterà –come negli anni passati- tutti gli spettatori.

Degna di rilievo è anche la consueta Festa di San Calò dell’Emigrato che si svolgerà nella piazza  del santuario il 9 agosto, mentre il 10 agosto si svolgerà la festa della Madonna du ritu , nella piazza di sant’Erasmo, le cui radici affondano nella notte dei tempi.

Inoltre, l’associazione culturale Indara , quest’anno, oltre ad organizzare la “Passeggiata turistica tra i tesori nascosti di Naro”, darà vita alla festa del cibo di strada che si terrà nel piazzale Torretta la sera dell’8 agosto, con ampia degustazione  per tutti i partecipanti.

Sempre in campo enogastronomico, l’associazione giovanile Rinascente organizzerà la III edizione della sagra della salsiccia narese, mentre la cooperativa sociale Network World Social Project  effettuerà serate danzanti a base di cous-cous e vino.

Tra gli eventi musicali e di danza,  il 9 agosto si svolgerà (nella piazza del santuario ed in concomitanza dei festeggiamenti di San Calò dell’Emigrato) l’undicesimo  festival dell’arte coreografica, mentre l’IndipenDANCE School effettuerà all’aperto nell’anfiteatro Patò, il giorno 12 agosto, un saggio di danza.

Nei giorni 13 e 16 agosto, invece, sarà la volta rispettivamente dell’AssociazionePueri Cantores che, nell’anfiteatro Patò, presenteranno lo spettacolo “Un cuore con le ali” e dello spettacolo musicale Disco One One di piazza Garibaldi.

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO Dott. Calogero Cremona:

“Nonostante la carenza di fondi e le ristrettezze finanziarie, l’Amministrazione Comunale e, in particolare, l’assessore al ramo Tito Novella ha organizzato un cartellone di tutto rispetto.

Da tale cartellone appare evidente la valorizzazione delle associazioni e dei gruppi locali e la predisposizione di un’offerta culturale, teatrale, musicale e di tradizioni popolari di tutto rispetto che servirà non solo ad allietare la permanenza agli emigrati e alle loro famiglie rientrati a Naro per le ferie, ma anche a richiamare numerosi  visitatori dei comuni vicini ” .

Naro: positive novità nel servizio di raccolta rifiuti

Mentre la giunta comunale, presieduta dal sindaco Calogero Cremona,  spinge per il passaggio della gestione dei rifiuti dalla società d’ambito Dedalo Ambiente spa (attualmente in liquidazione) al Comune di Naro, si percepiscono già sensibili miglioramenti nella qualità del servizio di spazzamento e raccolta dei rifiuti: gli operatori ecologici si vedono in giro frequentemente nelle periferie dell’abitato e le strade della città senz’altro più pulite.

L’assessore comunale Fabio Schembri, che ha la delega all’igiene ambientale, ha infatti invocato a gran voce il rispetto delle norme contrattuali  da parte della Dedalo Ambiente che, da alcuni mesi, è stata commissariata dalla Regione. Così, i commissari straordinari Lo Brutto e Morreale hanno disposto la compiuta e puntuale applicazione del contratto di servizio che lega il Comune di Naro alla società d’ambito.

Adesso, pertanto, sono stati installati nuovi cassonetti nell’abitato; la spazzatrice è in funzione per sei ore al giorno, tutti i giorni; le  unità di personale previste sono tutte operative nel territorio comunale. Inoltre, è già partito il servizio di disserbamento  nelle strade dell’abitato.

In quest’ottica, il miglioramento del servizio di spazzamento e di raccolta dei rifiuti è divenuto il preludio di una pulizia della città che potrebbe tornare ad essere invidiabile non appena la gestione ricomincerà ad essere effettuata direttamente dal Comune, come accadeva una dozzina di anni fa.

 

DICHIARAZIONE DEL SINDACO Dott. Calogero Cremona:

“L’Amministrazione Comunale sta cercando di accelerare il passaggio della gestione dei rifiuti dalla società d’ambito Dedalo Ambiente al Comune di Naro per dare ai cittadini un servizio migliore con una spesa minore.

In questa direzione, sta lavorando l’assessore Fabio Schembri con assoluta e fattiva determinazione.

Grazie al suo diuturno impegno, infatti, alcuni cittadini, incontrandomi, hanno voluto esprimere la loro soddisfazione,  perché adesso le strade di periferia in cui abitano  sono sempre pulite, proprio come quelle del centro” .

l'igNaro - il giornale di Naro

  • piazza Marconi, 51 - 92028 Naro (AG)
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • 380 6886642 - 347 8709879

  • Contattaci o inviaci il tuo articolo

 

S.O.S. CHICO

S.O.S. Chico